Mariapoli Renata – Loppiano – Italia

28 Settembre 2016

Loppiano è una cittadella del Movimento dei Focolari. È stata fondata da Chiara Lubich nel 1964. Caratteristica della vita di Loppiano è l’impegno a mettere in pratica l’ideale di unità proposto dal Movimento dei Focolari.

 Loppiano ha attualmente una popolazione di 900 persone, delle quali 70 provengono dai 5 continenti: ci sono uomini e donne focolarini, famiglie, giovani, laici impegnati a lavorare per la società, sacerdoti, religiosi e, occasionalmente, un vescovo. I cittadini vivono, lavorano e studiano lì e attraverso le loro azioni quotidiane testimoniano la frase della Bibbia: ‘Amatevi come io ho amato voi’. Ogni anno una media di 40mila visitatori passano per Loppiano.

Altre cittadelle sono sorti a partire dalla prima, Loppiano. Sono sparse in tutto il mondo e sono in vari punti di sviluppo. Ogni cittadella ha le sue caratteristiche, in armonia con il proprio ambiente.

A partire dal meeting dei giovani del 1° maggio 1973, nato quasi per caso con una straordinaria e inaspettata partecipazione, la data del 1° maggio è diventato un appuntamento fisso per molti giovani e ogni anno questi incontri comprendono programmi, forum ed eventi con iniziative specifiche.

Circa 1000 giovani provenienti da tutto il mondo e soprattutto dall’Italia si incontrano ogni anno per la festa del Maggio Primo a Loppiano
È una grande festa preparata dai giovani che vivono a Loppiano e comprende canzoni, danze tradizionale, esperienze, ecc… tutto per diffondere l’ideale della fraternità universale.

I giovani che vivono a Loppiano sono lì per varie ragioni: alcuni sono studenti dell’Istituto Universitario Sophia, altri frequentano le scuole di formazione per i leader del Movimento Gen, altri vivono nella zona intorno a Loppiano, partecipando e organizzando iniziative. Ci sono anche molte persone che arrivano nella cittadella quasi per caso, accettando un invito che va di bocca in bocca senza alcuna pubblicità di massa.

Informazione: facebook.com/

{gallery}loppiano{/gallery}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *