Sharing with Africa: Giorno 3

30 Aprile 2014

Mettiamo radici per la fraternità

Sono passati già tre giorni dal nostro arrivo a Nairobi e tante cose sono successe nel frattempo! Dopo l’expo mondo di lunedì sera, in cui ogni paese si è presentato tramite danze, tradizioni e prodotti tipici, l’ultima giornata della scuola di fraternità per i “giovani per un mondo unito”‘ ci ha portati ancora di più nello spirito del’Ubuntu.

Durante la cerimonia di fondazione della Mariapoli Piero (Nairobi), il 19 maggio 1992, Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei focolari, aveva detto che, come gli alberi africani coi loro molti rami possono ospitare tanti uccelli, così qui alla Mariapoli sarebbero state ospitate persone d’ogni dove, per imparare a costruire un mondo unito. Tra quelle tante persone ci siamo anche noi, che per lasciare un segno concreto dei nostri giorni qui ci siamo rifatti proprio alla figura dell’albero, piantando in giardino un “mugumo tree”, l’albero sacro della tribù Kikuyu. Un albero che inevitabilmente ci ricorda quelli già piantati a Budapest e a Gerusalemme, e che ormai è diventato un simbolo del nostro percorso verso il prossimo Genfest.

A fine giornata, scambiandoci le nostre impressioni sui giorni passati, eravamo tutti concordi nel dirci felici di questo ponte costruito con le culture africane!

La scuola dei giovani per un mondo unito è finita ieri, ma “Sharing with Africa” continua ancora fino a sabato, con tante attività. Noi continuiamo nel nostro impegno a vivere l’Ubuntu.

E tu, sei dei nostri?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *