UN GRAZIE PER TUTTI I CONTRIBUTI RICEVUTI IN QUESTI ULTIMI MESI…

21 Luglio 2016

PAKISTAN

Da Rawalpindi (Pakistan), tanto grati per il contributo (circa 4,000 Euro) dei Giovani per un Mondo Unito, ci scrivono riguardo all’innalzamento di un muro per aumentare la sicurezza nella ‘Mission High School’ a Dalwal che accoglie 300 studenti, e ad una nuova attività di coltivazione di un orto che aveva bisogno di una nuova pompa sufficientemente potente per innaffiare il terreno in tutta la sua estensione. Il progetto realizzato da la possibilità di creare posti di lavoro per quelle persone che vogliono venire nella cittadella, dove si trova la Scuola.

Un fatto da sottolineare: per alcuni lavori hanno avuto il contributo di un gruppo di ragazzi/ragazze coinvolti nel programma di “character building” tenuto nella scuola che, tenendo conto delle diversità locali, promuove la fratellanza universale e l’ideale di un Mondo Unito.  La scuola sta funzionando al 100% tanto che, nel nuovo corso appena iniziato, non sono riusciti ad accogliere tutte le richieste di nuovi bambini che volevano iscriversi avendo raggiunto il tetto massimo delle loro possibilità.

 

MEDIO ORIENTE

Pakistan1Da Amman (Giordania) ci scrivono su come è stato utilizzato il contributo (circa Euro 9,000) dai Giovani per un Mondo Unito.

“In Iraq sentiamo quanto l’aiuto più necessario è meritare la presenza di Gesù in mezzo col nostro amore reciproco! Tanti poi sono aiutati per pagare gli affitti, per le medicine e le cure ospedaliere. E a qualche famiglia partita definitivamente abbiamo cercato di soddisfare i bisogni. Ad una giovane che si era sposata è stato dato anche un piccolo contributo per le spese.

Dopo un’anno dall’arrivo dei nostri iracheni rifugiati qui in Giordania durante il quale abbiamo accompagnato e aiutato loro per gli alloggi, abbiamo ultimamente formato un equippe per continuare a seguire queste famiglie e vedere le loro attuali necessita’.

Le 20 famiglie visitate fino adesso sono state aiutate sopratutto con il pagamento del loro affitto, o cercando l’arredamento per la casa. Abbiamo assicurato il trasporto a scuola per alcuni bambini di famiglie che conosciamo. Alcuni aiutiamo per le medicine e per cure mediche un po’ custose per loro.  Pensando di dare possibilità di sfruttare talenti e professioni, a due mamme abbiamo comprato per ciascuna una macchina da cucire perchè possano guadagnare qualche cosa facendo tende e vestiti…

Le persone della equippe ci dicono: ‘Queste visite che facciamo insieme sono sempre un incontro con storie dolorose e cerciamo di accogliere tutto con l’amore di Gesù fra noi. Siamo impressionati come vivono con dignità e come bruciano con il loro amore per Dio ogni possibile ira contro i nemici. Consoscerli è un arrichimento umano e divino e così ogni visita diventa un reciproco dare e ricevere‘.”

 

Pakistan2NEPAL

A seguito del terremoto in Nepal, la Segreteria dei Giovani per un Mondo Unito ha ricevuto donazioni per un totale di circa Euro 120,000.

La maggior parte dei contributi è stata inviata alla Caritas Internationalis (vedi progetti realizzati e in fase di sviluppo in questo video realizzato 3 mesi dopo il terremoto: https://www.youtube.com/watch?v=XD-NE3_PnwI) mentre altri contributi sono stati inviati per aiutare altri progetti di ricostruzione (vedi video realizzato per descrivere uno di questi progetti: https://www.youtube.com/watch?v=lAfCDnUWnBk).

 

ECUADOR

La comunione dei beni dei Giovani per un Mondo Unito non è mancata per soccorrere le vittime del terremoto in Ecuador, azione portata avanti da  AMU (http://www.amu-it.eu/2016/06/17/ecuador-2-mesi-dopo/?lang=en) e AFN.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *